Focus sui punti in comune


L’uomo e la donna non sono diversi solo anatomicamente, ma anche mentalmente.
Se volessimo fare un esempio tra i due, l’uomo considera il mondo in maniera lineare e la donna vede il mondo pieno di sfumature.

Gli ormoni e la struttura genetica condizionano in modo differente il cervello femminile da quello maschile.

Nel primo caso (le donne)

gli ormoni sono protagonisti dello sviluppo celebrale perché la loro produzione cambia in base al ciclo mestruale, incidendo molto sull’umore e la gestione dello stress.
Le donne sono abili nell’istaurare amicizie profonde, capaci di decifrare gli stati d’animo altrui dall’espressione facciale o dal timbro di voce e brave a placare i conflitti.
Hanno inoltre una predisposizione a prendersi cura di chi le circonda.

Nel secondo caso (gli uomini),

sono più sviluppate l’area dell’impulso sessuale e l’amigdala, che regola la paura, la rabbia e l’aggressività.
Per istinto, gli uomini cercano di evitare le forti emozioni, sono meno viscerali e più razionali, per non perdere la concentrazione mentre tentano di raggiungere l’obiettivo.

Anche l’elaborazione dell’ira è differente. L’uomo in genere è più impulsivo e aggressivo. Se una donna è infuriata, invece, sente il bisogno di parlarne subito con qualcuno, di liberarsi da quel peso.

Come possiamo trovare punti in comune se siamo così differenti?


Dobbiamo sviluppare un abilità che si chiama “teoria della mente“, ed è la capacità di comprendere cosa succede nella mente dell’altro, di intuirne i pensieri ma anche le motivazioni e le emozioni che lo spingono a comportarsi in un determinato modo.
Significa conoscere meglio il nostro compagno o compagna di vita, ma anche capire meglio chi è per noi.

Non rimanere attaccati alla differenza del pensiero al momento della comunicazione ma domandarsi:
“Cosa lo ha portato a dirmi questo?”

Tutto questo si chiama “EMPATIA“, lo facciamo spesso con chi ci è estraneo, ma quando si tratta di farlo con il nostro partner, a volte, ce ne dimentichiamo.

Cosa posso fare per riuscire a capire meglio la sua visione del mondo?


Non pregiudicare e non dare per scontato.
Ricordati che siamo diversi, fare domande ed indagare anziché attribuire un significato immaginario a una determinata situazione, aprirà la possibilità al confronto.
Solo così potrai avvicinarti alla visione del tuo partner!

Tiè piaciuto? Condividilo

Lascia un commento